Novità da Xiaomi Miui Hellas
notizie

Parlamento Europeo: Approvata la riduzione del costo delle telefonate all'interno dell'UE

ΝI deputati hanno votato a favore della riduzione dei tassi di chiamata all'interno dell'Unione europea dal 2019, della creazione di reti 5G e della creazione di un nuovo sistema di allerta di emergenza durante l'attuale sessione plenaria del Parlamento europeo a Strasburgo.


Con questa risoluzione il Parlamento europeo adotta un pacchetto telecomunicazioni che copre il costo delle chiamate intracomunitarie e consente la costruzione di reti 5G estremamente veloci entro il 2020, creando un sistema di allerta di emergenza.

Le nuove norme consentiranno ai cittadini di effettuare connessioni ad alta velocità, consentire chiamate sicure e convenienti all'interno dell'UE, fornendo nel contempo la necessaria prevedibilità agli operatori di telecomunicazioni per espandere i propri investimenti nella banda larga.

In particolare, la politica del roaming a tariffa nazionale, che ha posto fine alle tariffe di roaming nel 2017, viene aggiornata con il nuovo quadro istituzionale con un massimo di 19 cent al minuto per le chiamate e 6 cent per SMS dal 15 maggio 2019, rendendo accessibile a tutti per rimanere in contatto con i parenti residenti in altri Stati membri dell'UE.

Il nuovo quadro giuridico protegge anche meglio gli utenti di smartphone, in particolare quelli che utilizzano servizi online come Skype o WhatsApp, migliorando i requisiti di sicurezza, inclusa la crittografia. Introduce inoltre la possibilità per l'utente di mantenere un numero di telefono fino a un mese dopo la scadenza del contratto e il diritto di restituire le unità prepagate non utilizzate al termine del contratto, nonché un risarcimento in caso di ritardo o abuso in caso di cambio di fornitore.

Inoltre, in caso di emergenza o grave catastrofe, i cittadini interessati devono essere avvisati tramite SMS o applicazione mobile. Gli Stati membri avranno 42 mesi per attuarla una volta entrata in vigore la direttiva.

Infine, gli Stati membri faciliteranno lo sviluppo del 5G fornendo lo spettro adeguato entro il 2020 per raggiungere l'obiettivo fissato nella tabella di marcia dell'UE per il 5G, ovvero una rete 5G in almeno una delle principali città di ciascun paese dell'UE entro il 2020.


Al fine di raggiungere il livello di investimento richiesto in infrastrutture e reti 5G e per soddisfare le aspettative della connessione, la nuova normativa prevede una maggiore prevedibilità degli investimenti e favorisce la condivisione di rischi e costi tra operatori di telecomunicazioni.

Dopo l'approvazione finale da parte del Consiglio, gli Stati membri avranno due anni per adeguare la loro legislazione nazionale al recepimento della direttiva e, come accennato in precedenza, i massimali di prezzo entreranno in vigore il 15 maggio 2019. .

Con tale risoluzione il Parlamento europeo ha ribadito l'accordo interinale raggiunto lo scorso giugno con il Consiglio dei ministri sul Codice europeo delle comunicazioni elettroniche e il Collegio dei regolatori europei delle comunicazioni elettroniche.

Fonte: AMPE

Leggi anche

lascia un commento

* Utilizzando questo modulo accetti la memorizzazione e la distribuzione dei tuoi messaggi sulla nostra pagina.

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati dei tuoi commenti.

Lascia una recensione

Leggi anche
La GPU avrà un prezzo di $ 279 per semplici implementazioni e differenze...
Traduci »